Tu sei qui

Convocazione e indicazioni per gli scrutini finali

Circolare N°: 
130
Data di emissione: 
27/05/2021

Al personale Docente e ATA

Agli studenti e alle famiglie

 

Oggetto: Scrutini finali

 

Sulla base dell’art. 73 comma 2bis della Legge 24/04/2020 n. 27, prorogato dall’allegato 2 del Decreto-Legge 22/4/2021 n. 52 al punto 6, come specificato dalla nota dell’USR Veneto n. 397 del 25/05/2021, è possibile effettuare le operazioni di scrutinio in presenza. I consigli di classe sono perciò convocati nella sede dell’istituto per procedere alle operazioni di scrutinio finale secondo il calendario allegato, che potrebbe subire ulteriori modifiche.

Le attività si svolgono in modo alternato nelle aule 47 e 51: dopo ogni scrutinio si cambia aula così da consentire l’aerazione dei locali utilizzati.

Come indicato dalla nota dell’USR Veneto 9313 del 24/05/2021, laddove nei consigli di classe siano presenti docenti assunti con contratti a tempo determinato ai sensi dell’art. 231-bis del D.L. n. 34/2020 convertito nella legge n.77/2020 (c.d. personale covid), che non possono essere oggetto di proroga, gli scrutini vanno effettuati entro il termine del 5/06/2021.

 

CALENDARIO

 

orario

Ven 4

Sab 5

Lun. 7

Mart. 8

Merc. 9

Giov. 10

Ven. 11

8.00 – 9.00

 

 

5AA

 

1BA

 

1AA

9.00 - 10.00

 

 

5BA

 

2BA

 

2AA

10.00 – 11.00

 

 

5AS

 

1DA

3BR

1CA

11.00 – 12.00

 

 

5AC

 

2DA

4BR

1EA

12.00 – 13.00

 

4AT2

5BR

 

 

4AC

2EA

Pausa pranzo

14.00 – 15.00

 

4AT1

5AR

 

1AT

3AC

1QR

15.00 – 16.00

5AT

2CA1

3AS

1BT

2AT

3BC

2QR

16.00 – 17.00

4AA

2CA2

4AS

2BT

3AT

2AC

3QR

17.00 – 18.00

4AR

3AA1

4BS

3BT

 

1AC

 

18.00 – 19.00

3AR

3AA2

 

3CT

 

 

 

ISTRUZIONI

 

Prima dello scrutinio

Entro le ore 12:00 del giorno precedente lo scrutinio ogni docente compila la parte riguardante la valutazione della propria disciplina nel Registro Elettronico (Scrutini online – proposta di voto). La proposta di voto rispetta i criteri deliberati in Collegio dei Docenti:

a) Si utilizzano solo numeri interi;

b) La valutazione è valida in presenza di un numero congruo di prove.

Nel caso di proposta di voto insufficiente, il docente compila anche la sezione del Recupero e del Tipo di prova (in caso di DSA selezionare scritto/orale, negli altri casi solo SCRITTO) e la casella “note”, indicando i motivi dell’insufficienza e gli argomenti da studiare per il recupero; il testo inserito sarà riportato automaticamente nella comunicazione alla famiglia.

 

Il coordinatore di classe, oltre alla valutazione della propria disciplina, esprime una proposta per il voto di comportamento sulla base della griglia di valutazione del comportamento deliberata in Collegio dei Docenti e tenendo conto anche del periodo di Didattica a Distanza. Tale proposta rappresenta il punto di partenza per la discussione in sede di scrutinio e la delibera del voto finale.

Inserisce anche il voto di Educazione Civica che gli è stato comunicato in precedenza dal coordinatore di Educazione Civica.

Alle scadenze sopra indicate controlla che tutti i dati siano inseriti; in caso contrario sollecita i colleghi e ne informa la dirigenza. Per ogni evenienza è abilitato a modificare i voti proposti di tutte le materie.

Prepara alcune bozze di giudizi di non ammissione, articolate e personalizzate da utilizzare negli eventuali casi di non promozione.

 

Durante lo scrutinio

Lo scrutinio è presieduto dal Dirigente o, in sua assenza, dal Coordinatore di classe.

Prima di avviare lo scrutinio si verifica il requisito previsto dall’art. 13 comma 2a D.Lgs. 62/2017: non si procede alla valutazione finale degli studenti che hanno superato il limite massimo di assenze consentite ai sensi dell’art. 14 comma 7 DPR 122/2009 (il 25% del monte ore annuale personalizzato), fatte salve le deroghe stabilite dal Collegio Docenti.

Una volta avviato lo scrutinio si procede con la valutazione del comportamento e degli apprendimenti.

Per l’attribuzione del voto finale, la media matematica può essere un punto di partenza, ma non è di per sé criterio automatico di valutazione. I docenti considerino tutti gli elementi che concorrono alla formulazione della proposta e valutino con positività i progressi e le tendenze al miglioramento; il voto non è solo elemento di mera misurazione ma è anche veicolo di rimotivazione e strumento di consolidamento della fiducia in sé e nelle proprie capacità, soprattutto nel caso in cui il cammino di crescita dell’alunno dimostri segni di positività.

L’espressione “non classificato” è legittimamente proponibile solo in presenza di lunghe assenze continuative che hanno oggettivamente impedito all’insegnante di esprimere una valutazione adeguata.

 

Per gli studenti delle classi quinte il D. Lgs. 62/2017 prevede la possibilità di ammettere all'Esame di stato anche in presenza di una valutazione inferiore a 6 in una disciplina con adeguata motivazione. Per quanto riguarda il giudizio di ammissione, è opportuno che risulti a verbale la seguente dicitura “sono ammessi gli studenti che soddisfano i requisiti di legge”.

Inoltre, sulla base delle tabelle allegate all’O.M. 53 del 3/03/2021, il Consiglio procede alla conversione dei crediti scolastici di terza e quarta e all’attribuzione del credito per la classe quinta, fino ad un totale di 60 punti, secondo i criteri deliberati in Collegio dei Docenti:

a) partecipazione al dialogo educativo;

b) partecipazione alle attività integrative organizzate dalla scuola (almeno 10 ore);

c) media superiore a 0,5;

d) valutazione “moltissimo” per gli studenti che si avvalgono dell’IRC.

La documentazione delle attività integrative di cui al punto b) è a carico della scuola (Ufficio Didattico e Responsabili dei vari progetti).

L’attribuzione del credito deve essere deliberata, motivata e verbalizzata.

 

Nelle classi seconde e per gli alunni delle classi prime che abbiano assolto l’obbligo (16 anni compiuti), si procede anche alla certificazione delle competenze compilando l'apposita sezione. Si può confermare la proposta del Registro Elettronico, basata sui dati relativi alle singole discipline raggruppati per assi, oppure è possibile esprimere una valutazione diversa.

 

Nel caso in cui il  Consiglio di Classe deliberi la sospensione del giudizio, nel Registro Elettronico sarà disponibile per le famiglie tutta la documentazione riguardante le discipline insufficienti, i motivi che hanno portato ad una valutazione di insufficienza e gli argomenti del programma sui quali lo studente dovrà prepararsi per affrontare la prova di recupero.

 

Al termine dello scrutinio, sarà compito del coordinatore di classe informare, tramite telefonata, le famiglie degli alunni non ammessi alla classe successiva. Nel caso di irreperibilità dei genitori, il coordinatore compila il modulo apposito, per consentire alla segreteria didattica di inviare il telegramma.

Anche in questo caso i genitori potranno accedere alle informazioni riguardanti il proprio figlio tramite il Registro Elettronico.

 

Il Dirigente Scolastico

Francesco Merici

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web - Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia; rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-3.0 Unported di Creative Commons.